volevo fare lo scultore

ma faccio il  fotografo...

queste opere in realtà non esistono, cerco l'equilibrio maniacalmente, cambio legno, lo giro, lo sposto fino a quando trovo la forma che mi ispira e tutto si ferma.

per pochi minuti, il tempo di sistemare la luce, fare l'inquadratura e scattare.no colla, no chiodi, no fil di ferro.

non cè bisogno di essere credenti, è oltre una religione accettare che lo scultore non sono io, e grande è il ringraziamento che per questo rimando al  mare e alle montagne.